FRANCIGENA NEL SUD

Menu'
Torna in cima

Enogastronomia

In questa sezione potrete "assaporare" i cibi del viandante, la cucina medioevale e ricette semplici per il cammino del pellegrino ed anche consigli su pubblicazioni o libri che parlano di cibo semplice e viandanti.

Boccone del Pellegrino

--- Il “boccone” del pellegrino a mezzogiorno durante il cammino ---

Visitando la mostra nel nostro Centro Studi troverete anche una sezione dedicata a tutte le specialita' enogastronomiche che potrete trovare nelle cittadine incontrabili lungo il cammino.

Mostra Enogastronomica

a FORMIA

All’arrivo a mezzogiorno. Olive nere in salamoia con grande drupa. Caciotta e altri prodotti di latte di bufala. Palatone (pagnotta casalinga)e pane locale all’olio, alle olive o alle noci. Vino: “Falerno” bianco e “Cecubo” rosso.
AD ITRI IN CAMMINO VERSO FONDI
Olive verdi in salamoia. Scamorza di bufala e mozzarella di bufala campana (DOP). Pagnotta locale calda, griselle e taralli. Vino: “Malvasia” bianco.

a FONDI

sera. Vino: Rosato secco e Moscato di Valle Marina.
NEL PARCO DELLA RIMEMBRANZA IN CAMMINO VERSO TERRACINA
Olive verdi “pistate” e olive verdi e nere in salamoia. Provola di bufala e mozzarella normale e quella “affumicata”. Pane locale a filoncino e palatone. Vino: Circeo Rosato, Amabile e Frizzante.

a TERRACINA

sera. Vino: Moscato di Terracina e di Cesanese.
A CAMPO SORIANO IN CAMMINO VERSO FOSSANOVA
Olive verdi e nere in salamoia. Cacio ”Marzolino” e “Primo sale”. Pane casereccio integrale da forno familiare. Vino: Rosso locale.

a FOSSANOVA / PRIVERNO

sera. Vino: Lazio Rosso di Sabaudia (da uve Montepulciano, IGT)
A PRIVERNO IN CAMMINO VERSO SEZZE
Olive ”farcite”. Mozzarella normale e “affumicata”. “Falia” (pane-focaccia con ripieno di broccoletti). Vino: Lazio Bianco di Prossedi (da uve Trebbiano e Malvasia, IGT)
IN CAMMINO VERSO SEZZE
Olive verdi e nere in salamoia. Caciotte fra cui una caciotta “ai bronzi”. Pane tipico di farina integrale e pane “mollitto”. Vino: Rosso locale di Sezze

a SEZZE

sera. Vino: Lazio Rosso di Prossedi (da ben 5 vitigni, IGT)
IN CAMMINO VERSO BASSIANO
Olive nere “moscie”. Giuncata e “impanata” (pane immerso nel siero che assorbe pezzetti di ricotta fresca). Pane tipico integrale di “Bassiano”. Vino: Rosso locale.

a BASSIANO

sera. Vino: Lazio Rosso di Ninfa (uve Merlot IGT).
IN CAMMINO VERSO SERMONETA
Olive “essiccate” e olive verdi e nere in salamoia. Ricotta di capra. Pagnotta locale. Vino: Lazio Bianco di Aprilia (uve Trebbiano e Sangiovese IGT).

a SERMONETA

sera. Vino: Lazio Rosso di Sermoneta (uve Merlot e Montepulciano IGT).
IN CAMMINO VERSO CORI
Olive “argento”. Scamorza vaccina. Pagnotta tipica di Cori. Vino: Lazio Bianco di Cisterna (uve Bellone o “Cacchione” IGT)

a CORI

sera. Vino: Rosso Merlot di Cori (da uva Merlot IGT) e Cori Bianco di Cori (da uve Malvasia , Trebbiano e Bellone DOC)
A GIULIANELLO IN CAMMINO VERSO VELLETRI
Olive verdi e nere. Formaggio”fior di latte”. Pane locale tipo Lariano (con farina semintegrale e forno a legna). Vino: “Cori Bianco” locale.

a VELLETRI

sera. Vino: Velletri rosso DOC.
A NEMI IN CAMMINO VERSO CASTEL GANDOLFO
Olive verdi locali delicate. Pecorino romano (DOP). Pane di Genzano (farina di grano duro grado 0 spolverato con cruschello lievito naturale qualificato IGP). Vino: “Marino” bianco secco (uve Malvasia Bianca e del Lazio e Trebbiano DOC)

a CASTELGANDOLFO

sera. Vino: “Frascati” bianco (uve Malvasia e Trebbiano, DOC)
IN CAMMINO SULLA VIA APPIA ANTICA
Olive verdi. Pecorino e caciocavallo vaccino. Pane casereccio di Genzano. Vino: “Marino” bianco (uve Malvasia e Trebbiano ed altre, DOC)

Alcune Letture interessanti

I racconti del Viandante: il cibo del pellegrino

racconti_1

Dolores Boretti

Tutte le religioni hanno il concetto di luogo sacro: un luogo sacro è un punto di contatto tra la terra e il cielo, permette di trovare il centro della religione e dunque aiuta a raggiungere il centro dellapropria vita. E’ il rito che rende sacro un luogo, riempiendolo di significato e di simbolismi. Come viene sacralizzato lo spazio, nella religione viene sacralizzato anche il tempo, con giorni santi, periodi di digiuno, feste religiose…

...continua a leggere

I racconti del Viandante: il cibo globalizzato

racconti_2

Dolores Boretti

Riprendendo la nostra storia e, ribadita la necessità di precisare in senso sociale la definizione – anche alimentare – del “pellegrino”, diremo che la sacca di un pellegrino, che a piedi (come il pauper della nostra storia) o a cavallo (come l’abate che lo ospita) percorre le strade verso Roma o verso altri luoghi sacri della cristianità, in ogni caso dovrà contenere cibi facilmente e lungamente conservabili, giorni e giorni, settimane, magari mesi...

...continua a leggere