INCONTRI e FORMAZIONE

PortellaFesta dell’associazione GRUPPO DEI 12 ,

 il 28 giugno a SUIO TERME

vicino al fiume Garigliano.
Titolo                                    “PELLEGRINI ALLA SCAFA” .

Esplorazione in barca del fiume Garigliano gratuita , musica e allegria. Si farà carne/salsicce alla brace e vino a offerta di 5 euro, oppure portare pranzo al sacco. 
Degustazione prodotti gastronomici locali.
Si illustreranno le iniziative e le camminate sulla Francigena del Sud ” Regina Viarum”

scafa

Campo di Lavoro svoltosi a San Magno dal 3 al 6 Aprile 2015

Sulla Francigena nel Sud Regina Viarum

Fondi-il-Monastero-di-San-Magno

Lavori svolti

Epitaffio - Terracina 2014-04-12 (1)
Prima
Epitaffio - Terracina 2014-04-12 (2)
Dopo
Epitaffio - Terracina 2014-04-12 (3)
Dopo
Epitaffio - Terracina 2014-04-12 (6)
Prima
Epitaffio - Terracina 2014-04-12 (7)
Dopo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

per trascorrere una giornata diversa e nello spirito di aggregazione del gruppo

 DOMENICA 2 GENNAIO 2015

alcuni Soci e non dell’Associazione Gruppo dei Dodici, faranno una piccola escursione e in contemporanea, svolgerà piccoli lavori di manutenzione sul tratto della Francigena Piazza Palatina – Epitaffio tra Terracina e Monte San Biagio. Coloro che sono interessati possono contattare sia Alberto 3491648614, che Oreste 3318032067.
Per arrivare a Monte San Biagio si può utilizzare anche il treno gli orari sono i seguenti:
Roma 08:00, Cisterna 08:30, Latina 08:37, Priverno 08:45, Monte S. Biagio 09:05.
Minturno 08,43, Formia 08:52, Fondi 09:09, Monte S. Biagio 09:15

Poi finiremo tutti insieme a scambiarci gli auguri per il nuovo anno al Ristorante Il Mulino presso il Monastero di San Magno.

Incontro internazionale di presentazione e condivisione

PILGRIMS CROSSING BORDERS

Il Cammino paneuropeo dalla Norvegia a Gerusalemme

Società Geografica Italiana Via della Navicella 12  Roma 17 ottobre 2014 H.16.30 – 19.00

Saluto Franco Salvatori, Presidente Società Geografica Italiana

Benvenuto e riflessione sul valore europeo dei Cammini

Silvia Costa. Parlamentare Europea. Pres. Commissione CULT – Istruzione e Cultura

Presentazione del progetto: Pilgrims crossing borders

Stein Thue. Deputy Chairman Pilegrimsfellesskapet St. Olav

Gli Interventi

La Via Romweg von Stade. A. Memmert, Pres. Romweg vonStade

La Via in Danimarca. A. Blinkenberg, Pastor E. Lidell, promotori danesi

Il pellegrinaggio attraversa l’Austria.F. Treml, esperto austriaco
La via RomeaGermanica. R. Valentini, Pres.Assoc. Via Romea Germanica.
Il Cammino da Roma a Leuca: A. Alberti, V. Presidente Rete dei Cammini
Pilgrims Crossing Borders  fino a Gerusalemme. E. Vegge, Nidaros Pilegrimsgard
La nuova Via nel contesto europeo: M. Tedeschi, Pres. Ass. Europea Vie Francigene

Breve riflessione conclusiva. G. Caselli, scrittore
Coordina S. Polci, Dir. Festival Europeo Vie Francigene   *     *

Segue brindisi augurale

Le foto della serata

 

Giornate di accoglienza, per   l’arrivo della camminata internazionale di pellegrinaggio

nelle sale del Parco dell ’ Appia Antica
Via Appia Antica, 42, 00178 Roma  7 e 8 maggio 2014

Presentazione:
Le vie storiche di pellegrinaggio del Lazio possono rappresentare uno sviluppo concreto della nostra Regione in termini di cultura, di spiritualità, di cura dell ’ ambiente con risvolti turistici concreti dal
punto di vista economico, come avviene in molti casi all ’ estero. Chi conosce a fondo l ’ argomento sono le associazioni di volontari che percorrono i sentieri e vivono l ’ esperienza sul terreno. Sono il “ popolo dei Sentieri ” .
I Parchi Regionali del Lazio conoscono bene il “ popolo dei sentieri ” e in particolare i pellegrini che sulle vie storiche camminano verso o da Roma. È un “ popolo ” in continuo aumento, rispettoso della natura, ispirato dalle bellezze incontrate, che ben s’inserisce nell ’ ambiente naturale che percorre in tutte le stagioni dell ’ anno.
Questo convegno riconosce la loro crescente importanza e rappresenta un aspetto importante, l ’ accoglienza. I pellegrini altresì testimoniano della maturità dei percorsi laziali e dimostrano che sono accessibili senza problemi. Le associazioni esporranno i problemi e presenteranno proposte concrete, poiché hanno un ’ esperienza concreta.
Partecipano a questo evento:
Sui sentieri a nord del Lazio lungo la Via Cassia: – ”Gruppo · Montefiascone: città del 100esimo km ” e “Commissione Francigena ” di Campagnano Romano
Sui sentieri a est del Lazio lungo la Via Amerina: – “ Cammini della · Luce ” di Amelia
Sui sentieri a sud del Lazio lungo la Via Prenestina: – “Via · Francigena nel Sud ” di Palestrina
Sui sentieri a sud del Lazio lungo la Via Appia: – “Gruppo dei Dodici · ” , “Giovane Montagna ” di Roma e Legambiente e “ Il Riccio ” dei Castelli Romani
I Parchi naturali coinvolti sono: Parco del Lago di Vico, Parco di Veio, RomaNatura, Parco dell ’ Appia Antica, Parco dei Castelli Romani, Parco di Ninfa, Parco dei Monti Aurunci, Parco dei Monti Ausoni,
Riviera di Ulisse
Un insieme che contiene bellezze naturali insuperate in Italia.
Programma:
7 maggio:
Ore 15.30 – Benvenuto nel Parco Appia Antica e saluti istituzionali: Comune di Roma, Regione Lazio, Provincia Roma
Ore 16.15 – I Programmi delle Associazioni volontarie e di pellegrinaggio del Lazio
Ore 17 – Via Francigena nel Lazio, percorso europeo: interventi di 3 pellegrini stranieri
Ore 17.45 – I Parchi del Lazio e la Via Francigena
Ore 18.15 – Illustrazione della “mostra Francigena nel Sud ” ; Antica Musica Francigena: Ensemble “ Il Rondello ”
Cocktail e assaggio specialità gastronomiche laziali con Slow Food di Velletri
—————————————————————————————————————————-
8 maggio:
Ore 10 – Illustrazione della “mostra Francigena nel Sud ”
Ore 11 – Interventi dei rappresentanti degli Enti Locali
Ore 12 – Presentazione del libro “Camminare una Rivoluzione ” di Adriano Labucci
Ore 13 – Pranzo “ al sacco ” dei pellegrini
Ore 14 – Associazioni di pellegrinaggio e dei camminatori delle vie Francigene contributi a un documento comune; intervento di R.Trapè,
vice presidente Ass.ne Europea Vie Francigene
Ore 15,00 – Interventi
Ore 16.00 – Costituzione di una commissione per la stesura di un documento delle associazioni della via Francigena
Ore 16.15 – Pellegrini in festa rappresentazioni di vita del viandante
Ore 17.30 – Antica musica francigena: Ensemble “ Il Rondello ”
Ore 19 – Stesura finale del documento conclusivo
Durante le giornate Stand dei prodotti enogastronomici locali

  saperi e sapori

Viandanti …. a tavola!

pellegrini

Lungo la via Francigena del Sud

Castel Gandolfo – Nemi

13 Aprile, 4 Maggio, 1 Giugno

cammineremo tra i due laghi dei Castelli Romani, tra riflessi d’acqua e boschi, dove i miti si perdono nel tempo e dove, ancora, si rincorrono i suoni dei pellegrini diretti o di ritorno dalla Terrasanta.

Sarà occasione per camminare, osservare, ascoltare, parlare, sorridere lungo i sentieri della plurisecolare via dalle mille storie.

Per recuperare le energie impiegate i viandanti incontreranno i cibi del camminatore, scelti tra gli alimenti e le bevande tipiche dei Castelli Romani: li gusteremo insieme e li conosceremo da vicino, alla fattoria didattica “ LA FARNIA”.

Passi e pasti da viaggio per rinnovare il corpo, la mente e l’anima!

Cammino sulle Orme della Via Francigena

BASSIANO (LT) – 7 marzo 2009 presso la Locanda “la Bella Lisa” si è tenuto il convegno “Cammino sulle Orme della Via Francigena”. Un’ occasione per presentare gli aspetti storici dei pellegrinaggi e dei viaggi che dai secoli più lontani hanno attraversato il nostro territorio. Era indispensabile colmare questa lacuna nello sviluppo della storica Via e gli interventi di Luigi Zaccheo, Emilio Selvaggi e Francesco Mannino, tre studiosi esperti del territorio hanno dato un contributo fondamentale a raggiungere questo scopo. Questo si è riusciti a cogliere sia durante i lavori congressuali, sia attraverso gli articoli usciti sul numero di febbraio di “Nuova Informazione”, un mensile sull’attualità, la cultura e sull’ambiente edita dal Centro Studi Archeologici di Sezze interamente dedicata al tratto di Via Francigena dal Garigliano a Roma.
Oltre agli storici locali sono intervenuti Vincenzo Avvisati sindaco di Bassiano, Floriano Boccini Direttore Archivio di Stato di Latina, Scipione Salvagni presidente del Centro Studi Itala Fatigati – Salvagni, Domenico Guidi Consigliere Provinciale (provincia di Latina) e Alberto Alberti, presidente del Gruppo dei Dodici. L’incontro è servito anche per fare il punto sul lavoro svolto dall’associazione Gruppo dei Dodici nella riscoperta e valorizzazione del percorso, che dal fiume Garigliano arriva fino alla Città Eterna.
230 Km da percorrere in 10 giorni attraversando un territorio, che per varietà di ambienti e di cultura non ha eguali. Dalle spiagge tirreniche attraversate nelle prime tappe percorrendo antichi tratturi e lunghi tratti dell’Appia antica fino a raggiungere le colline calcaree dei Monti Volsci (Ausoni, Aurunci, Lepini) percorrendo infine i tufi dei Colli Albani si arriva a Roma “terminus itineris”.
Oggi si è ormai giunti alla definizione del percorso della Via Francigena del Sud. La Regione Lazio ha deciso di investire sostanziose risorse lungo questa Via nata per unire i popoli europei.
Secondo il progetto elaborato dalla Regione, il percorso sarà fra non molto identificato con tabelle segnaletiche e sarà percorribile da tutti.
Oggi, ancora più di prima, è necessario percorrere questa storica via per renderla viva. Senza i pellegrini che la percorrono sarà solo un segno su un foglio di carta. Diffonderne la conoscenza: questo è l’ obiettivo di sempre del Gruppo dei Dodici. Finora negli ultimi 4 anni è stata percorsa una sola volta l’anno. Ci si propone di raddoppiare la frequenza, camminando su di essa in primavera e in autunno, coinvolgendo sia stranieri che le comunità locali. Occorre la condivisione di quest’ultime affinché il percorso rimanga vivo nel tempo. Ciò permetterà di scoprire quanto di meglio la tipicità del territorio può dare, e cioè un vero patrimonio di valori culturali, spirituali, ambientali e sociali.

SCARICA IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

programma convegno 7 marzo 09

 

La Via Francigena del Sud
“Grande itinerario culturale europeo”
Sezze 16 marzo 2007
Un’opportunità di valorizzazione e promozione per il territorio

Venerdì 16 marzo 07 si è tenuto a Sezze, presso l’auditorium comunale S. Angelo, un incontro dibattito, promosso da: Regione Lazio (presidenza della commissione turismo), XIII Comunità Montana, XVIII Comunità Montana, Compagnia dei Lepini, Legambiente (Circolo Monti Lepini, Circolo di Fondi e Circolo dei Castelli Romani) Gruppo dei Dodici (associazione che ha percorso per prima l’antica via dei pellegrini nel Sud del Lazio), C.A.I. (sez. Latina), A.G.E.S.C.I. (gruppo Sezze 1°) per promuovere la costituzione di un comitato provvisorio per la realizzazione di un itinerario che ripercorra le tracce della Via Francigena (l’antica via medievale di pelligrinaggio che collegava i principali luoghi di culto della cristianità: Canterbury in Inghilterra, Santiago di Compostela in Spagna, Roma in Italia e Gerusalemme in Terra Santa).

La Via Francigena ha ricevuto dal Consiglio d’Europa a Wroclaw (Polonia) il 9 dicembre 2004 la menzione di Grande Itinerario Culturale Europeo.
Per centinaia di anni, per tutto il medioevo la Via Francigena è stata l’arteria più importante d’Europa, che connetteva il Nord Europa con Roma e con il Sud: dall’Inghilterra, si attraversava la Francia, le Alpi, la pianura padana, gli Appennini e pre-Appenini.
Jacques Le Goff la definisce un “ponte tra l’Europa anglosassone e quella latina” che si affaccia sul Mediterraneo.

L’idea di recuperare e valorizzare la Via Francigena del Sud non è frutto di improvvisazione ma è il risultato di un attento lavoro di ricerca storica che “Il Gruppo dei Dodici” ha svolto e ha poi voluto condividere con enti locali e associzazioni per valorizzare e promuovere il territorio.

Provuore la Via Francigena del Sud è un’occasione per valorizzare le sia le risorse ambientali che storico culturali di un territorio, che vanta una varietà di ambienti ed ecosistemi unici e con essi una varietà culturale. L’insieme di queste risorse presenta tutte le caratteristiche per diventare attrattore di flussi turisci sostenibili capaci di promuovere sviluppo in territori non interessati dal turismo di massa.

Per il raggiungiemento di questi obiettivi diventa necessario che, tutti gli attori (enti locali, pro loco e associazioni) che si riconoscono in questo progetto si impegnino a lavorare in maniera sinergica secondo le proprie competenze nel proprio territorio avendo ben chiara l’idea che un progetto così ambizioso si può realizzare solo lavorando in maniera sinergica.

incontri9

Convegno “Sviluppi recenti sulla Via Francigena :
Iniziative per l’Informazione

Bassiano (LT) Locanda la bella Lisa sabato 15 sett. 2012 ore 10:00
Questo convegno sarà l’occasione per fare il punto sull’evoluzione di questo cammino e di cosa sarà necessario fare per valorizzarlo in tutti sui aspetti.

SCARICA IL PDF DEL PROGARMMA

PROGRAMMARETECAMMINI2011

Suio accoglie i pellegrini

incontri10

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *